Tag Archives: Attilio Fontana

I fantastici viaggi di Sala

Soldati sì, soldati no: sulla sicurezza a bordo dei treni in Lombardia va in scena la lite tra destra e sinistra. Fontana li vuole, Sala è scettico: “Mi sembra esagerato”. Avrà mai preso il treno? Non si sa se l’opinione contraria del sindaco sia autentica o strumentale alla scalata che ha dato al Pd. Per la sua dedizione ai cliché più retrivi della sinistra magari il Pd, oggi più sbandato che mai, lo incoronerà. Ma una cosa è certa. Rispondere con sufficienza al dramma quotidiano della sicurezza sui treni vuol dire essere lontani anni luce dai problemi delle persone. E questo è un errore che politicamente si paga. Forse i militari non saranno la soluzione migliore, ma c’è una tale bisogno di misure urgenti, siamo arrivati a un così alto livello di insicurezza sui convogli Trenord (anche sul blasonato Malpensa Express tutto di prima classe) che non intervenire sarebbe gravissimo. Già ma questo lo sa chi chi tutti i giorni fa su e giù coi treni. Sala non lo sa, non riesce ad immaginarlo. Prendere il treno la mattina molto presto o la sera dopo le venti è un azzardo. Si rischia grosso. E con i viaggiatori rischiano i lavoratori di Trenord. Come siamo arrivati a questo punto? Chi ha sottovalutato la questione sicurezza? Chi ha minimizzato le conseguenze di un’immigrazione clandestina fuori controllo? Adesso dateci almeno i militari. Poi se è “esagerato” ci pensiamo noi a deciderlo. Noi che prendiamo il treno.

WhatsAppCondividi

Via Fabio Filzi ventidue

catalogna2

Poche cose, si sa, sono noiose come un consiglio regionale. Un parlamento ha sempre il suo perché: ci sono i vip, i pettegolezzi. Un consiglio comunale parla della tua città: interessa. Ma in regione, finite le prime sedute dopo le elezioni (facce nuove, trombati e salvati, eccetera) il magro menù prevede: discussioni su regolamenti europei, mozioni sul bitume della provinciale lungolago, accordi coi caseifici per lo stracchino della Val Tale. Insomma: due palle. Eppure, qualcosa di nuovo potrebbe accadere da oggi in Lombardia. Si è tenuta stamani la prima seduta del Consiglio regionale. La legislatura è effettivamente sui generis: la Lega domina. Domina un movimento euroscettico in uno dei 4 motori d’Europa. Già oggi i consiglieri leghisti si sono presentati con un fiocchetto bianco sul bavero: un segno di solidarietà con i parlamentari catalani in carcere. Qualcosa sta accadendo sotto i nostri occhi. Un partito eurocritico, anti-estabilishment controlla qualcosa di più di un piccolo Stato est-europeo: una delle prime regioni economiche del continente. E lo fa da forza di governo nazionale in pectore, maggioritaria in tutto il Nord. Al Pirellone arrivano i temi internazionali, i posizionamenti e i dibattiti che vanno oltre le provincie padane e arrivano a Roma, a Bruxelles, a Parigi. Non è un fatto automatico ma le premesse ci sono tutte. L’indirizzo del Consiglio regionale lombardo è: Via Fabio Filzi ventidue. Un recapito che potrebbe suscitare meno sbadigli che in passato. Doveva andare ad Ema, l’Agenzia del Farmaco persa dal trio Gentiloni – Sala – Maroni. Ma il Pirellone – vedrete – canterà lo stesso la sua canzone in Europa.

Obiettivo: autonomia lombarda

MILAN, ITALY - CIRCA JANUARY 2017: Pirelli Tower skyscraper (aka Pirellone) designed by Gio Ponti and Pier Luigi Nervi in the fifties

Questa legislatura sarà quella dell’autonomia: il neoeletto Presidente del Consiglio regionale lombardo Alessandro Fermi lo ha detto oggi nel suo intervento inaugurale. Maroni ha aperto la strada con il referendum. Adesso toccherà alla nuova Giunta e alla maggioranza. La delega per l’autonomia affidata da Attilio Fontana al professor Stefano Bruno Galli, appassionato ed esperto della materia, fa ben sperare. Ma tutti sono chiamati, al di là delle appartenenze politiche, a dare il loro contributo. Del resto esponenti di spicco del Pd, come Gori, ma anche come lo stesso sindaco Sala, si erano detti favorevoli. Vedremo. Per adesso registriamo un entusiasmo più o meno collettivo e un impegno dichiarato pubblicamente. Faranno la differenza l’egemonia della Lega in Giunta e il suo peso preponderante in Consiglio (dove oggi tra l’altro ha deciso di assegnarsi d’imperio ben due ruoli in Ufficio di Presidenza, con poca attenzione al tema delicato degli equilibri politici e della rappresentanza democratica)? Per fare passi avanti significativi servirà una forte coesione e la Lombardia di Fontana parte così così. I malumori in maggioranza non mancano. Bisognerà recuperare.